Poesie 

E’ una raccolta composta da poesie che vanno dal 1940 sino al 1996, data della prima edizione, seguita da altre due più una revisione. Lo stesso Autore così introduce il suo lavoro:

Poesie, sì, lo sono. O meglio, lo erano. Tanto sono lontane da quelle d'oggi. Ma non son state scritte con l'intento di farne un libro. Le raccolgo ora (molte le ho buttate) tra i fogli dei ricordi, delle fantasie di alcuni momenti della mia vita, escludendo gli innumerevoli deliri della mia prima giovinezza, dei quali avevo riempito alcuni quadernetti.

Ogni tanto, risvegliandosi l'antica passione, mi veniva spontaneo di metter giù qualche verso. Tentavo ora un genere, ora un altro, sempre indeciso sulla giusta via da prendere.

Così che son rimasto al punto di partenza.

Ecco: tante partenze. Che non legano, che non fanno libro. Roba di casa, e basta. Un quadernetto pulito e ordinato (un po' per età, un po' per argomento) ad uso e consumo personale, domestico. Un libro che non è "libro", insomma.

Il poeta, specie coi frammenti di oggi, pare si possa esprimere solo col libro.

Anzi, coi libri. E il mio -se libro si può chiamare- invece è desolatamente solo.

Pazienza. È andata così.

Ma quello che più m'addolora è il dubbio che, fra tante strade tentate, potesse esserci pure quella giusta.